SPESOMETRO 2017 

La legge di Bilancio 2017, (Legge 11.12.2016, n°232) ha apportato, anche per gli enti non commerciali in regime agevolato, alcune essenziali novità in materia di spesometro, configurando un sistema di spesometro semplificato.

Lo spesometro
Lo spesometro è uno strumento che consente al Fisco di controllare le spese effettuate dai soggetti titolari o meno di partita IVA.
Per le operazioni rilevanti ai fini IVA superiori a 3.600 euro e le fatture emesse, ricevute, i versamenti periodici IVA e per le note di variazione, il venditore è obbligato per legge a registrare il codice fiscale dell’acquirente e a comunicare i dati dell’acquisto per via telematica all’Agenzia delle Entrate. Tutte le spese relative ogni singolo codice fiscale vengono analizzate in una banca dati unica, grazie a un algoritmo informatico il quale accerterà fiscalmente le spese superiori al reddito dichiarato.

Spesometro semplificato 2017
Dal 2017 , con il Decreto Legge n. 193 del 22 ottobre 2016, sono state introdotte alcune novità riguardo gli adempimenti IVA.
Sia lo spesometro che i dati relativi alle liquidazioni IVA periodiche dovranno essere inviate trimestralmente.
Bisogna inoltre annotare che non ci sarà più l’obbligo di invio della Comunicazione dati IVA e che la dichiarazione IVA relativa al 2017 andrà in forma autonoma entro il 28 febbraio 2018 e non più all’interno del Modello Unico.

 CALCOLO IMU 2017